Prenota tour

       Vuoi conoscere il nostro territorio? Vuoi assaporate le eccellenze dei nostri prodotti? Non sai come raggiungere le destinazioni?
Non devi preoccuparti, abbiamo quello che fa per te!!!!
Scegli fra le nostre proposte, ne troverai una diversa per ogni giorno,  e sali sul nostro shuttle, scoprirai la storia, curiosità e tradizioni  della nostra realtà.     

Giovedì - Castello di Scipione e Cantina Vitivinicola

Il giovedì ci dirigiamo nel piccolo e suggestivo borgo medioevale denominato Scipione Castello.

Il Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino

Il Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino, il più antico del Parmense, è stato costruito prima del 1025 dal leggendario Adalberto Pallavicino, capostipite della millenaria casata e audace condottiero di cui ne cantano le lodi il Torquato Tasso nella Gerusalemme Liberata e Ludovico Ariosto nell'Orlando Furioso, ed è ancora oggi abitato, dopo mille anni, dai suoi discendenti diretti. Immerso nel verde, il Castello si innalza sulle bellissime colline di grande valore paesaggistico situate tra Parma e Piacenza, in un piccolo e suggestivo borgo medievale.

Ci spostiamo presso una Cantina vitivinicola, la cui  gentile lavorazione della vigna, l’accorto diradamento dei grappoli ed il rispetto per la natura, ci consegnano nei magici mesi di Settembre e Ottobre un prodotto particolarmente ricco di profumi.

Venerdì - Museo dello CSAC e Reggia di Colorno

Il venerdì prendiamo la  direzione dell’ Abbazia di Valserena, conosciuta anche come “Certosa di Paradigna”, a pochi chilometri da Parma, dove oggi a sede l’Archivio-Museo dello CSAC. Uno spazio multifunzionale, dove le aree del Museo si integrano a quelle già esistenti dell’Archivio e del Centro di Ricerca e Didattica. È strutturato in cinque sezioni - Arte, Fotografia, Media, Progetto, Spettacolo – nelle quali sono conservati circa 12 milioni di pezzi.
Il nostro tour prosegue con La Reggia di Colorno, un'elegante e monumentale struttura architettonica, con oltre 400 sale, corti e cortili. La Reggia è circondata da un meraviglioso giardino alla francese che Maria Luigia d’ Austria nei primi anni di regno volle trasformare in bosco romantico all’ inglese dove vennero innestate molte piante rare, creato il laghetto con isola dell’ amore e potenziate le serre in cui amava coltivare speciali varietà di insalata. La Reggia  fu inoltre abitata dai Sanseverino, dai Farnese, dai Borbone. Visitabili anche l'appartamento nuovo del Duca Ferdinando e l'Osservatorio Astronomico.  

Martedì - Caseificio e Rocca di Soragna

Il martedì è dedicato alla Rocca di Soragna  splendida e fastosa residenza dei Principi Meli Lupi che ancor oggi la abitano. Stupende sale impreziosite da mobili e arredi del primo Barocco,
conserva decorazioni a fresco e cicli pittorici di Nicola dell'Abate, Cesare Baglione, Ferdinando e Francesco Galli Bibiena, è circondata da un grande parco romantico all'inglese con laghetto, serra, café haus e alle tradizioni parmensi con il re dei formaggi: il Parmigiano Reggiano, realizzato  con le mani esperte del casaro, ancora oggi nello stesso modo artigianale dei tempi che furono.

Mercoledì - Casa natale Verdi, Villa S. Agata e Az. Agricola

 Il mercoledì vi facciamo conoscere la terra del Maestro: Giuseppe Verdi.
La Casa natale è rimasta immutata dall'epoca in cui vi abitò Giuseppe Verdi, presenta ancora le caratteristiche delle modeste abitazioni di campagna ottocentesche, estremamente povere nelle finiture e negli arredi. Non si può dire di conoscere Verdi se non si ha visitato la casa che abitò per lungo tempo Villa S. Agata  nella quale amava sempre tornare dai suoi viaggi in Italia e in Europa. Oggi, mantenuta nello stato conservativo dei tempi del grande compositore grazie alla famiglia Carrara Verdi erede del maestro, rappresenta la migliore chiave di lettura per comprendere lo spirito immortale del genio e dell'uomo Verdi.
Per finire una tappa presso azienda agricola... alla scoperta della genuinità e della freschezza dei sapori di una volta.

Lunedì – Rocca di Fontanellato e Caseificio

Il lunedì è dedicato alla Rocca Sanvitale di Fontanellato che si erge, incantevole, al centro del borgo, circondata da ampio fossato colmo d'acqua: racchiude uno dei capolavori del manierismo italiano, la saletta dipinta dal Parmigianino nel 1524 con il mito di Diana e Atteone. La Rocca  è un’imponente fortezza eretta nel XIV secolo su un preesistente edificio del XII secolo. Sottoposta a numerosi restauri, nel corso dei secoli è stata trasformata da fortezza difensiva a residenza dei nobili Conti Sanvitale che l’hanno poi abitata per circa sei secoli, ha pianta quadrata con muri merlati e quattro torri angolari e l’entrata sul cortile interno avviene attraverso un ponte levatoio.
Si passa poi alle tradizioni parmensi con il re dei formaggi: il Parmigiano Reggiano, realizzato  con le mani esperte del casaro, ancora oggi nello stesso modo artigianale dei tempi che furono, le origini di questo formaggio risalgono al Medioevo e vengono generalmente collocate attorno al XII secolo.

Sabato - Labirinto della Masone

Appuntamento da non perdere: salite sulla nostra navetta e vi accompagneremo a visitare il labirinto più grande esistente, composto interamente di piante di bambù (in totale sono circa 200 mila), alte tra i 30 centimetri e i 15 metri, appartenenti a venti specie diverse.
Un percorso in cui inoltrarsi e perdersi, per fantasticare e riflettere.
Accanto al Labirinto è sorto un Museo, una Biblioteca, spazi per mostre temporanee, un Archivio, e strutture turistiche che assicurano, tanto all’Internazionale dei Colti e dei Curiosi quanto alla gente del luogo, specialmente ai giovani, accoglienza e occasioni di svago, di informazione e di ispirazione, nel segno della Civiltà, dello stile e del comfort.